Tutti i segreti delle zone erogene. Stimoliamole nel modo giusto, esploriamole una ad una


Alla scoperta delle zone erogene

Tutti i segreti delle zone erogene. Stimoliamole nel modo giusto, esploriamole una ad una

Tutte le zone erogene da conoscere per donare e ricevere piacere

Zona erogena. Un paio di parole che tutti conoscono ma che molti sottovalutano. Sebbene le zone del piacere universalmente riconosciute siano gli organi genitali e i seni, vi sono molte altre zone del corpo che permettono di aumentare l’eccitazione prima del rapporto, e addirittura contribuire ad un raggiungimento di un orgasmo più intenso ed appagante. Innanzi tutto parliamo delle aree erogene più conosciute e appena citate.

In particolare, nella donna la zona genitale ha punti più o meno sensibili, il clitoride primo fra tutti, ma non vanno trascurate vulva, piccole e grandi labbra, e soprattutto il terzo inferiore della vagina (molto molto sensibile). Nell’uomo primo fra tutti il glande, ma anche la zona dei testicoli, può donare piacere se sfiorata e accarezzata. Non ultima la zona dei capezzoli, sia per l’uomo che per la donna, anche se per quest’ultima di solito la sensibilità ed il piacere dovuto alla loro stimolazione è maggiore. Queste le aree principali legate al piacere. Ma non fissatevi solo sui punti che conoscete. Sappiate che molte aree attorno la zona genitale sono altamente erogene, per esempio i testicoli per l’uomo (troppo spesso trascurati), e anche il perineo (zona tra l’ano ed i genitali), che opportunamente stimolato può aumentare l’eccitazione a dismisura.

Anche nella donna tale zona può dare molto piacere, ma nell’uomo, dato che quest’area è in relazione con la ghiandola prostatica, può persino produrre orgasmi più intensi. Nella Hotzone del nostro portale sono presenti articoli sulla stimolazione attiva (sia esterna, si interna) della prostata. Se siete aperti all’esperienza sessuale, e alla ricerca di qualcosa di nuovo, vi consigliamo di leggervi qualche articolo presente in questa sezione del nostro sito, qualche idea potrebbe fare al caso vostro, qualche altra, che ritenete troppo osè, potete tranquillamente trascurarla. Ma torniamo a parlare delle zone erogene. Come dicevamo, non fissatevi su quello che conoscete, baciate ed esplorate il corpo del vostro partner alla scoperta di cosa gli dona più piacere. Ad esempio l’interno coscia, sia della donna, sia di molti uomini è estremamente sensibile, questo vale anche per le natiche e per l’area anale e perianale. Pensate che alcune zone se opportunamente stimolate (seppure non siano legate al piacere genitale) possono portare all’orgasmo.

Alcune donne raggiungono l’orgasmo solo strusciandosi al partner, con la stimolazione dei seni, persino con la stimolazione anale (soprattutto quella penetrativa). Quest’ultima, conosciuta ed apprezzata dalle coppie gay, è per l’uomo un sistema per sperimentare un piacere fortissimo, dato che il rapporto anale va a stimolare direttamente la ghiandola prostatica. Purtroppo, in una coppia etero, provare con la partner una stimolazione prostatica potrebbe minare fortemente la componente mascolina dell’uomo. Quindi questa pratica spesso è ritenuta riprovevole e nemmeno contemplata. Non saremo noi a dirvi di sperimentare in questo campo, è una decisione personale. Certo chi decide di farlo, e vivere una sessualità aperta e completa ne trarrà molto piacere, e vi sorprenderà sapere che molte donne non considerano meno macho il proprio compagno solo perché è aperto alla ricerca del piacere. Un’altra zona sensibilissima in alcuni uomini è la parte sottostante del glande, in corrispondenza del frenulo. Quella zona opportunamente stimolata provoca un piacere molto intenso, e anche qui la parola d’ordine è “sperimentare”.

Vedete ed ascoltate le reazioni del vostro partner, vi sorprenderà quanti modi differenti esistono per donargli piacere. Vogliamo concludere questo nostro articolo accennando alle zone erogene meno conosciute e più trascurate. Durante un approccio amoroso non andate subito al dunque buttandovi a capofitto sui genitali del partner, anche se questo talune volte può essere piacevole. Quando il livello di eccitazione per la situazione o il momento vi porta a passare subito al piatto forte fatelo senza ripensamenti, ma che non sia la norma. Cercate anche gli approcci per gradi. Cercate per esempio il collo del partner (molto recettivo in entrambi i sessi). Anche l’addome della donna e la zona sotto le ascelle sono entrambe aree molto sensibili.

Molte donne, ma anche alcuni uomini adorano essere accarezzati tra i capelli e dietro la nuca. Si potrebbe dire che quasi ogni area del corpo è una zona erogena se pensiamo che persino massaggiare i piedi o la schiena può essere un modo per entrare in intimità col partner e donare piacere allo stesso tempo. In verità, se escludiamo le zone del piacere conclamate e risapute, affermare che tutto il corpo sia una zona erogena è errato. Ogni persona ha parti più ricettive rispetto al piacere ed allo stimolo sessuale. Sta a voi scoprire cosa gradisce di più, e quali sono i punti “caldi” del vostro partner, poiché i nostri sono stati solo suggerimenti ed idee, ed ognuno può avere risposte completamente diverse ad un determinato stimolo.

Concludiamo, e con questo chiudiamo davvero, col parlare di due zona erogene che pochi conoscono: la bocca e il cervello. Il primo perché diamo per scontato che il bacio sia preludio al rapporto sessuale quindi considerato semplicemente un preliminare, a volte senza la consapevolezza che la bocca, le labbra e la lingua siano zone erogene per eccellenza, con altissimo contenuto erotico. Il secondo (il cervello) si discosta un po’ da ciò che consideriamo una “zona erogena”. L’essere umano, nella sua complessità, reagisce per prima cosa a stimoli che vengono interpretati da cervello. Perciò è giusto affermare che qualunque stimolo che provoca eccitazione sessuale, sia uno stimolo che va a sollecitare la “zona erogena cerebrale”. Per esempio il profumo del partner, l’esperienza tattile pelle contro pelle, il calore percepito nel fare una doccia assieme, l’esperienza visiva del compagno o la compagna nudi, con un intimo sexy, o in una posizione eccitante (ricordiamo che le natiche della partner, da tergo, infervorano anche il più freddo degli uomini).


condividi incontri su facebook Aiutaci a crescere e migliorare. Condividi l'articolo su Facebook

condividi incontri su twitter Per darvi un servizio migliore. Condividi l'articolo su Twitter





I migliori articoli di Intimità e consigli

Alcuni degli articoli più letti. Ritenuti di particolare rilevanza dagli utenti



Incontri extraconigali e tradimenti senza timori d'essere scoperti Uomini maturi e di successo, belle ragazze e giovani donne Avventure extraconiugali e scappatelle in tutta sicurezza Scambio coppia, coppie che cercano altre coppie, singoli o singole e viceversa Belle donne mature in cerca di avventure, toy boy curiosi e signore sposate o separate Donne e Uomini Taglie XL, Ragazze formose con seni enormi
XHTML Valido 1.0 Strict     CSS Valido 2.1