Castelli in provincia di Pesaro. Amore, ceramiche e viaggi nel folclore delle Marche


Gradara e Urbania, magici borghi medievali

Castelli in provincia di Pesaro. Amore, ceramiche e viaggi nel folclore delle Marche

Gradara e Urbania, provincia di Pesaro, borghi medievali e ceramiche - Plugin flash mancante

Quest’oggi vogliamo parlarvi delle provincia di Pesaro e dei suoi tesori. Gradara, Urbania e la stessa Pesaro celano castelli, torri e borghi medievali di una bellezza unica. Le Marche nascondono luoghi magnifici, da condividere con la vostra lei o il vostro lui in un viaggio romantico e colmo d’emozioni visive. Ciò che vi accoglierà sarà per prima cosa la parlata marchigiana. Se parlate con un marchigiano probabilmente non vi accorgerete subito della sua provenienza. Soprattutto coloro che vivono nei dintorni di Pesaro hanno una inflessione che potrebbe confondere chi non ha l’orecchio molto fino. La vicinanza strategica del litorale romagnolo infatti spesso crea un sottile legame con i marchigiani e gli abitanti delle zone di Rimini, Riccione, Cattolica e zone limitrofe.

Eppure, per quanto la riviera vicina calamiti sicuramente gran parte del turismo, le Marche possono contare su un paio di chicche turistiche difficili da eguagliare, e non solo per i paesaggi e la ricettività prettamente vacanziera, ma soprattutto per alcuni elementi che la rendono interessante anche dal punto di vista storico ed antropologico. San Marino, Stato nello Stato, per quanto molto carina a livello urbanistico ed architettonico, ormai è diventata più una meta di shopping addicted in cerca di forti sconti che di turisti tranquilli, dato che i suoi negozi si avvalgono della mancanza dell’aliquota iva. Per questo motivo in città, accanto alle tre rocche, i castelli che dominano i monti Titani entro cui la città-Stato è compresa, nascono e fioriscono in continuazione molteplici centri commerciali e negozi singoli, rendendo le strade continuamente pullulanti di acquirenti.

GRADARA

Se siamo turisti che vedono oltre lo shopping fuori porta però ci basterà spostarci di qualche kilometro più a nord da San Marino arriviamo invece in un paese molto molto interessante. Si chiama Gradara, paese di stampo squisitamente medievale in provincia di Pesaro e Urbino, e ospita il castello più famoso della Divina Commedia. Ovvero quello in cui si è consumata la tormentata storia d’amore che portò Paolo e Francesca a diventare anime in tempesta nei gironi dell’inferno dantesco. L’antico castello medievale che sorge su un altura ed è di dimensioni compatte e ridotte, mantiene ancora il fascino dell’antico splendore pur avendo avuto nei secoli differenti ristrutturazioni. Nei giorni che precedono la ricorrenza di San Valentino, se vi trovate dalle parti di Gradara, non potete mancare a Gradara d’Amare (c’è una intera sezione dedicata sul sito gradara.org) , la manifestazione che vede protagonisti gli innamorati di ogni età e sesso. Durante l’evento, tutta incentrato sull’amore in ogni suo aspetto e forma, sono previste visite guidate interattive ed a tema nella rocca di Gradara, menu romantici a lume di candela in tutti i locali nei pressi del castello appena citato, cene medievali e degustazioni a suon di poesie. Qualcuno addirittura osa affermare che per le strade di Gradara e i cunicoli del cancello, voli un cupido pronto a lanciare SOS d’amore sotto richiesta degli innamorati non ricambiati. Il borgo di Gradara comunque non è soltanto per gli innamorati. Le segrete del suo castello infatti ospitano un museo che con il romanticismo non ha proprio nulla a che vedere. Il Museo delle torture accoglie reperti, testimonianze e marchingegni utilizzati dall’inquisizione per costringere coloro che venivano accusate di stregoneria a confessare le loro presunte malefatte ed i loro eventuali rapporti con il diavolo.

URBANIA

Per concludere in bellezza il proprio week end nelle Marche non c’è niente di meglio che fare un salto a Urbania. Questo piccolo paese, sempre in provincia di Pesaro, è famoso in tutta la regione perché porta avanti sin dal medioevo, una tradizione alquanto buffa. Pare che di padre in figlio, i membri di una famiglia urbaniese (o durantina, visto che molti abitanti di Urbania preferiscono chiamarsi così in rispetto del vecchio nome del paese, Casteldurante), riescano a predire le condizioni metereologiche di tutto l’anno osservando delle… cipolle! In occasione della festa del patrono della città, San Paolo dei Segni, in questa famiglia vengono solennemente tagliati degli spicchi di cipolla, cosparsi di sale su un tagliere di legno e lasciati all’aperto rivolti verso Oriente. Pare che le interpretazione in base a come il sale si scioglie sugli spicchi siano da sempre ottime previsioni metereologi che dell’anno che verrà. Il paese non perde l’occasione di celebrare questa ricorrenza, il 24 ed il 25 Gennaio di ogni anno. Non si tratta di una vera e propria sagra in verità, ma di una serie di piccole iniziative in cui le famiglie del paese aprono le porte delle loro case e si raccontano agli occhi incuriositi di chi si trova a passare per le loro strade.

IL BORGO MEDIEVALE DI CASTELDURANTE

Da segnalare ancora come mete obbligate, il magnifico Palazzo Ducale di Urbania. L'antico borgo medievale di Casteldurante, sorge oggi sulle fondamenta del bellissimo castello medievale conosciuto all'epoca come Castel delle Ripe; questa fortezza costruita dai Brancaleone, e distrutta da ormai molto tempo, era posizionata lungo un ampia sinuosità del fiume Meaturo. Il Palazzo Ducale, costruito sull’antico maniero, fu ristrutturato nel XVI secolo per volere del Duca di Urbino Federico II. Il Palazzo Ducale è collegato al Barco di Casteldurante da un paio di chilometri di fiume che dame e cavalieri risalivano in barca. Il Barco di Casteldurante, in linea d’aria a circa un chilometro da Urbania e costruito su un ampia zona naturale, fu area di caccia dei duchi di Urbino. Il Barco di Casteldurante fu anche sede di villeggiatura di celebri scrittori e poeti del Rinascimento (tra cui Torquato Tasso), e verso la metà del '700 fu adibito a convento. Durante recenti restauri, nella stanza del refettorio, sono venuti alla luce magnifici affreschi del periodo francescano, tra cui una “ultima cena” del pergolese Gianfrancesco Ferri. Il Barco sarà presto attrezzato per corsi di artigianato locale ed artistico, e di ceramica, con laboratori di decorazione, restauro e foggiatura (il tutto in associazione col Museo Civico). Nel luogo saranno inoltre esposte maioliche, manufatti Raku e ceramiche popolari.

LE CERAMICHE

In questa zona delle Marche, in provincia di Pesaro e Urbino fu nel ‘500, specie nell’antica Casteldurante, fu proficua la produzione di maioliche e ceramiche, riconosciute tra le più belle del Rinascimento. Nell’epoca di maggior splendore ardevano più di quaranta forni. Le committenze provenivano oltre che dall’Italia, anche da tutta Europa, e a volte i maestri durantini lasciavano le loro case per viaggiare all’estero e far conoscere la loro arte. Alcuni di loro scrissero dei libri sulle arte del vasaio, descrivendo regole e segreti per fare ceramica. Casteldurante nel 1636 diventò Urbania ma la tradizione non si perse, nel ‘600 e ‘700 vasai e pittori proseguirono nell’arte che avevano reso famosi quei luoghi in tutta Europa. Anche oggi ad Urbania, nelle nuove botteghe di ceramiche, danno mostra di se i colori dei vasi e dei piatti istoriati. Dal ’94 Urbania è riconosciuta dall’Associazione Italiana delle Città Ceramiche, come zona di produzione di ceramica artistica e tradizionale.


condividi incontri su facebook Aiutaci a crescere e migliorare. Condividi l'articolo su Facebook

condividi incontri su twitter Per darvi un servizio migliore. Condividi l'articolo su Twitter





I migliori articoli di Idee Viaggio

Alcuni degli articoli più letti. Ritenuti di particolare rilevanza dagli utenti



Incontri extraconigali e tradimenti senza timori d'essere scoperti Uomini maturi e di successo, belle ragazze e giovani donne Avventure extraconiugali e scappatelle in tutta sicurezza Scambio coppia, coppie che cercano altre coppie, singoli o singole e viceversa Belle donne mature in cerca di avventure, toy boy curiosi e signore sposate o separate Donne e Uomini Taglie XL, Ragazze formose con seni enormi
XHTML Valido 1.0 Strict     CSS Valido 2.1