Borghi medievali. Bomarzo, Calcata e Viterbo. In coppia tra terme, mostri e artisti


Viterbo e provincia tra parchi e medioevo

Borghi medievali. Bomarzo, Calcata e Viterbo. In coppia tra terme, mostri e artisti

Viterbo, Bomarzo e Calcata. Viaggio di coppia tra i Borghi medievali più belli d'Italia - Plugin flash mancante

Roma caput mundi. Talmente caput mundi che assorbe il tempo e gli occhi della stragrande maggioranza dei turisti che scelgono il Lazio per i loro viaggetti in coppia. Esistono però dei preziosi gioielli che non si possono godere stando a Roma, ma per cui è necessario spostarsi un po’ più su, nello specifico verso i dintorni di Viterbo, e ne vale davvero la pena. Uno di questi si chiama Bomarzo, paese a 18 km dalla città eterna, che ospita uno spettacolare parco.

IL PARCO DI BOMARZO
Il Parco dei Mostri, a Bomarzo, è un complesso all’aperto, ideato da un architetto piuttosto eccentrico, Pirro Ligorio (fu colui che completò San Pietro alla morte di Michelangelo), per volere di un commissionante ancora più eccentrico, tale Pier Francesco Orsini. Si racconta che l’idea del parco sia nata per distrarre quest’uomo dalla disperazione in cui era caduto per la morte della moglie. Sin dall’ingresso questo luogo è popolato da gigantesche statue raffiguranti personaggi tratti dalla mitologia e dal mondo fantastico. Per questo motivo, a posteriori, gli è stato dato il nome di Parco dei Mostri. Ma di terrificante non v’è nulla, anzi, passeggiare nel verde dei prati ed esser sorpresi ogni tanto da queste meravigliose sculture è davvero molto piacevole. Esistono numerosi itinerari da seguire, frutto di coloro che hanno provato a dare una storia ed a legare tra loro le statue sparse per il parco, ma l’esperienza più bella è provare a tracciare con la fantasia, una storia nuova, lasciandosi ispirare dalla grandezza e dalla bellezza di queste statue e, magari, facendosi aiutare dal partner. Il Parco è aperto tutto l’anno, ma è consigliabile, per ovvi motivi, visitarlo in primavera o verso la fine dell’estate, anche se, nonostante la brezza, l’autunno lo colora di arancio e lo rende decisamente romantico.

Essendo il parco molto vicino a Viterbo città, nel caso si optasse di visitarlo a Settembre, si può decidere di allungarsi verso la provincia per assistere alla sfilata della Macchina di Santa Rosa. Si tratta di una festa patronale, che si tiene tutti gli anni il 3 Settembre, che conserva ancora antiche tradizioni contadine, legate per lo più ai riti cattolici. La macchina è una struttura verticale che ricorda nella forma una guglia gotica, ed è completamente illuminata. Secondo la tradizione ricorda la traslazione della salma della Santa da una cappella alla più importante chiesa del paese. Al suo passaggio, seguito come una processione da migliaia di persone, le vie vengono appositamente oscurate, creando uno spettacolo di luci itinerante molto suggestivo.

TERME, CASCATE E BORGHI MEDIEVALI
Se invece non riuscite a far coincidere il vostro viaggio con i giorni della festa, consolatevi pure presso le terme. Sempre a Viterbo infatti ci sono le Terme dei Papi, una struttura che comprende percorsi di relax e benessere tra grotte naturali, massaggi e una bellissima piscina d’acqua termale calda all’aperto. E’ possibile anche alloggiare, volendo, presso il centro benessere che è sorto a ridosso. A concludere in bellezza il nostro itinerario di coppia alla scoperta di Viterbo e provincia, ci penserà il borgo di Calcata. Calcata è un paese incastonato tra le alture, quasi abbandonato in tempi di guerra e poi ripopolato (poco) da giovani ed artisti di ogni tipo. In paese non passano automobili, che bisogna lasciare all’entrata, ed il silenzio aiuta a riscoprire suoni e rumori che in città sono ormai quasi sconosciuti, come il fluire del fiume che vi scorre in mezzo, il vocio sommesso di chi passeggia per le sue stradine, o la musica di sottofondo che spesso si sente dietro qualcuno che davanti al portoncino di casa dipinge o tesse.

Spesso è possibile anche percorrere itinerari nel bosco, con l’aiuto degli stessi abitanti o di piccole associazioni senza scopo di lucro, in cerca di fiori o orbe officinali, o ancora concludere la serata con un thè biologico sorseggiato su un terrazzino a strapiombo sulla montagna. Sempre facente parte della zona di Calcata (e Mazzano Romano in provincia di Roma), il Parco suburbano Valle del Treja è un'area protetta del Lazio. Con una superficie di 628 ettari, l’area protetta si estende in una zona percorsa dal fiume Treja e ricoperta da una fitta vegetazione. Il fiume in questione va a formare le famose cascate di Monte Gelato, un luogo suggestivo e magico a pochi chilometri dalla capitale. Uno scenario favoloso da condividere con il vostro partner, passeggiando tra i boschi in prossimità delle cascate che hanno ispirato registi, pittori, poeti e fotografi di tutto il mondo.


condividi incontri su facebook Aiutaci a crescere e migliorare. Condividi l'articolo su Facebook

condividi incontri su twitter Per darvi un servizio migliore. Condividi l'articolo su Twitter





I migliori articoli di Idee Viaggio

Alcuni degli articoli più letti. Ritenuti di particolare rilevanza dagli utenti



Incontri extraconigali e tradimenti senza timori d'essere scoperti Uomini maturi e di successo, belle ragazze e giovani donne Avventure extraconiugali e scappatelle in tutta sicurezza Scambio coppia, coppie che cercano altre coppie, singoli o singole e viceversa Belle donne mature in cerca di avventure, toy boy curiosi e signore sposate o separate Donne e Uomini Taglie XL, Ragazze formose con seni enormi
XHTML Valido 1.0 Strict     CSS Valido 2.1